Conduce: Marco C.
Sentieri CAI: 14 -14A - 15
Dislivello: mt 700 metri 
Tempo di percorrenza ore 5
Lunghezza; km 14
Difficoltà• EE
Ritrovo alla sede del Gruppo Trekking Tripetetolo alle ore  8,15 -  partenza alle ore 8,30
Percorso ad anello molto bello, caratterizzato nella prima parte da molti punti panoramici mentre nella seconda attraverseremo il più bel bosco alle  pendici del Pratomagno, la “Foresta di S.Antonio” area naturale protetta. Dove non c'è l'aria protetta...tanti funghi (ovviamente bisogna avere la tessera). Anello – Reggello – Poggio Massa Nera – Case Sant’Antonio – Foresta Sant’Antonio 
Percorso ad anello molto bello, caratterizzato nella prima parte da molti punti panoramici mentre nella seconda attraverseremo il più bel bosco alle  pendici del Pratomagno, la “Foresta di S.Antonio” area naturale protetta.
Saltiamo il primo tratto di strada asfaltata del percorso che da Reggello costeggia il torrente Resco, il percorso inizia poco prima dell’abitato di Pontifogno dove il sentiero CAI n°14 svolta a sinistra (450 mslm) ed è subito in ripida salita. Il panorama alle nostre spalle ci fa vedere un’ampia veduta del Valdarno e dei monti del Chianti. Arriviamo a trovare l’ultima casa adiacente al bosco “Campo d’Arme” (660 mslm). Il nome è da collegarsi alla presenza di fucine di ferro per la fabbricazione delle armi. Il percorso ancora in ripida salita e ridotto ora a mulattiera, arriva al punto più bello e panoramico, al p.gio Massa Nera (1073 mslm). Questo ci ricompensa dalla lunga, faticosa e costante salita. Nelle giornate terse è facile intravedere il famoso cupolone del Duomo di Firenze. Seguendo sempre il sentiero CAI n°14, ora più pianeggiante, arriviamo al Rifugio Massa Nera, un bivacco dove è possibile ripararsi. Il cammino continua alternando salite e discese fino a giungere su strada forestale. Abbandoniamo il sentiero 14 per svoltare a destra dove, poco dopo, troveremo Case S.Antonio(937 mslm), un eremo dei frati di Vallombrosa ora restaurato e un locale adibito a riparo. Si prosegue e, fatte due curve, voltiamo a destra, nel sentiero CAI n° 15, inizio della foresta S.Antonio . Dal 1975 fa parte del patrimonio forestale della Regione Toscana. Poco dopo una fittissima faggeta ci porta al bivacco di Mandro Vecchio, edificio in pietra usato nel passato come ricovero per carbonai e pastori. Scendendo noteremo la variazione del bosco, da prima faggio, per poi trovare castagneti . Il sentiero  scende lungo  il borro di S.Antonio, che spesso viene attraversato su dei ponticelli in legno, e ci riporta alla chiesetta di Pontifogno e al punto di partenza.
Percorso: EE
Punti di interesse: Case S.Antonio;Foresta S.Antonio; Mandro Vecchio.
AfrikaansAlbanianArabicArmenianAzerbaijaniBasqueBelarusianBulgarianCatalanChinese (Simplified)Chinese (Traditional)CroatianCzechDanishDetect languageDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGalicianGeorgianGermanGreekHaitian CreoleHebrewHindiHungarianIcelandicIndonesianIrishItalianJapaneseKoreanLatinLatvianLithuanianMacedonianMalayMalteseNorwegianPersianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwahiliSwedishThaiTurkishUkrainianUrduVietnameseWelshYiddishAfrikaansAlbanianArabicArmenianAzerbaijaniBasqueBelarusianBulgarianCatalanChinese (Simplified)Chinese (Traditional)CroatianCzechDanishDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGalicianGeorgianGermanGreekHaitian CreoleHebrewHindiHungarianIcelandicIndonesianIrishItalianJapaneseKoreanLatinLatvianLithuanianMacedonianMalayMalteseNorwegianPersianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwahiliSwedishThaiTurkishUkrainianUrduVietnameseWelshYiddish
Detect language » Italian
AfrikaansAlbanianArabicArmenianAzerbaijaniBasqueBelarusianBulgarianCatalanChinese (Simplified)Chinese (Traditional)CroatianCzechDanishDetect languageDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGalicianGeorgianGermanGreekHaitian CreoleHebrewHindiHungarianIcelandicIndonesianIrishItalianJapaneseKoreanLatinLatvianLithuanianMacedonianMalayMalteseNorwegianPersianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwahiliSwedishThaiTurkishUkrainianUrduVietnameseWelshYiddishAfrikaansAlbanianArabicArmenianAzerbaijaniBasqueBelarusianBulgarianCatalanChinese (Simplified)Chinese (Traditional)CroatianCzechDanishDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGalicianGeorgianGermanGreekHaitian CreoleHebrewHindiHungarianIcelandicIndonesianIrishItalianJapaneseKoreanLatinLatvianLithuanianMacedonianMalayMalteseNorwegianPersianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwahiliSwedishThaiTurkishUkrainianUrduVietnameseWelshYiddish
Detect language » Italian
AfrikaansAlbanianArabicArmenianAzerbaijaniBasqueBelarusianBulgarianCatalanChinese (Simplified)Chinese (Traditional)CroatianCzechDanishDetect languageDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGalicianGeorgianGermanGreekHaitian CreoleHebrewHindiHungarianIcelandicIndonesianIrishItalianJapaneseKoreanLatinLatvianLithuanianMacedonianMalayMalteseNorwegianPersianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwahiliSwedishThaiTurkishUkrainianUrduVietnameseWelshYiddishAfrikaansAlbanianArabicArmenianAzerbaijaniBasqueBelarusianBulgarianCatalanChinese (Simplified)Chinese (Traditional)CroatianCzechDanishDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGalicianGeorgianGermanGreekHaitian CreoleHebrewHindiHungarianIcelandicIndonesianIrishItalianJapaneseKoreanLatinLatvianLithuanianMacedonianMalayMalteseNorwegianPersianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwahiliSwedishThaiTurkishUkrainianUrduVietnameseWelshYiddish
Detect language » Italian

INFORMATIVA: questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti.

Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per saperne di piu'

Accetto